Riparte la stagione balneare



Finalmente è ufficiale: sabato 23 maggio, prende avvio la stagione turistica balneare.


Queste le linee guida per gli stabilimenti balneari

In sintesi, i protocolli con le linee guida balneari post emergenza coronavirus prevedono una superficie minima a ombrellone di 12 metri quadrati (indicativamente 4 e 3 metri tra paletti degli ombrelloni e delle file); 1,5 metri tra le attrezzature di spiaggia, come lettini e sdrai sulla battigia; numerazione e assegnazione delle postazioni o degli ombrelloni; steward appositamente formati per accompagnare gli ospiti all’ombrellone o al lettino; pasti ordinati attraverso un servizio di delivery con consegna per la consumazione all’ombrellone-lettino, oppure in aree ristorazione in grado di garantire il distanziamento sociale; aree giochi per bambini delimitate e con un numero massimo di presenze consentite; servizi igienici, docce e cabine pulite e disinfettate ogni giorno e ad ogni cambio di clientela.

Per quanto attiene le spiagge libere, l'accesso rimane libero tuttavia, a queste vengono applicate le direttive già previste per gli stabilimenti balneari: i fruitori dovranno mantenere la distanza di sicurezza fra gli ombrelloni di 12 mq (indicativamente 3 m x 4 m), passeggiate e attività motoria da realizzare mantenendo la distanza di 1 metro. Distanza di un metro e mezzo per chi utilizza una postazione singola, con asciugamano. Il servizio di salvataggio sarà attivo dal 13 giugno prossimo negli stabilimenti per cui, al momento, è prevista solo l'elioterapia. Non si potrà sostare sulla battigia e creare assembramenti. Le spiagge libere saranno dotate di cartelli informativi che illustreranno le regole da seguire in questo periodo di massima attenzione.

Sei pronto a regalarti una vacanza unica?



Scrivici un'email senza impegno, ti forniremo una risposta rapida a tutte le tue esigenze.